Al via le giornate di mobilitazioni #SfrattiZero per il diritto alla casa, alla città contro il Decreto Salvini

condividi su:
volantinaggio

Rimini – oggi prima iniziativa delle Giornate di mobilitazione SfrattiZero contro il Decreto Salvini con un volantinaggio al mercato settimanale.
Di seguito il volantino diffuso:
LA CASA, LA PRIMA COSA 
Durante il mese di Ottobre sono previste iniziative popolari legate al tema del diritto alla casa in molti paesi di Asia, Africa, Europa, Nordamerica, America Latina e Caraibi, che culmineranno nell’Incontro Internazionale per Città Egualitarie ospitato a Buenos Aires dal 28 al 31 ottobre 2018.

Come Campagna #UnaCasaPerTutti e Sportello Diritti per Tutti promosso da ADL Cobas Emilia Romagna e dall’ Associazione Rumori Sinistri onlus abbiamo voluto aderire con una serie di iniziative a questo appello e alle Giornate mondiali Sfratti Zero, che vedranno mobilitazioni in tante città anche italiane.

In tutta Italia i numeri degli sfratti non accennano a diminuire, così come la drammaticità che caratterizza la vita di chi, per innumerevoli motivi, si ritrova a farci i conti: a Napoli una donna è morta e i suoi due figli sono rimasti feriti a causa di un’esplosione verificatasi nel loro appartamento proprio il giorno dello sfratto. A Roma, sempre durante l’esecuzione di uno sfratto, un’anziana ha tentato di gettarsi dal balcone, minacciando di darsi fuoco: la pensione minima non le aveva permesso il pagamento delle rate dell’affitto degli ultimi mesi.

Nella nostra città, seppur il numero degli sfratti eseguiti con la forza pubblica sia diminuito negli ultimi anni, ancora troppi singoli e famiglie convivono con la difficoltà di riuscire a pagare l’affitto a fine mese, andando a riempire le agende degli Ufficiali Giudiziari. Le famiglie che hanno bisogno di una casa popolare non trovano ascolto nè all’Ufficio Casa del Comune, nè all’A.C.E.R (l’azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica) che dicono di non avere alloggi disponibili. A fronte di una domanda che negli ultimi anni è sempre crescente, gli investimenti per aumentare il parco immobiliare pubblico sono pressochè assenti e le persone continuano a restare bloccate per anni nelle graduatorie ERP. A questa grave carenza si aggiungono risposte politiche tutte schiacciate sull’emergenzialità e la precarietà, che vedono nel pagamento di un residence privato per un paio di mesi da parte dello Sportello Sociale del Comune l’unica risposta a chi si ritrova per strada dopo uno sfratto.

Il Decreto Salvini su immigrazione e sicurezza, che ha iniziato l’iter parlamentare, non fa altro che peggiorare questo quadro, colpendo duramente i poveri non disciplinati, i movimenti di lotta per il diritto all’abitare e le organizzazioni sindacali di base, prevedendo un forte peggioramento delle misure repressive per le occupazioni, i picchetti e i blocchi stradali. Per l’ennesima volta in questi anni, chi è al governo preferisce tutelare i grandi costruttori edilizi e i palazzinari che speculano su beni a cui tutte le persone dovrebbero essere messe in grado di accedere – come la casa appunto – e punire chi si trova in uno stato di indigenza e povertà.

Non possiamo restare fermi-e, non dobbiamo restare soli-e!
Immaginiamo e costruiamo insieme nuove politiche abitative e sociali!
Contro il Decreto Salvini e le politiche dell’odio, contro sfratti e sgomberi, rilanciamo la solidarietà!

Punti Piattaforma Campagna #UnaCasaPerTutti
~ investimenti per nuove politiche abitative, urbane e sociali, contro il caro-affitti e gli sfratti
~ moratoria degli sfratti
~ riutilizzo sociale del patrimonio sfitto
~ investimenti seri da parte di Acer per aumentare il numero di alloggi ERP
~ necessità di creare una Nuova Agenzia Sociale per la casa gestita in forma partecipativa e trasparente che coinvolga tutte le realtà sociali interessate e partendo dalle persone che vivono il problema sia capace di gestire le risorse economiche affinché vengano utilizzate, non per gonfiare le tasche della rendita e della speculazione, ma per arrivare con proposte e soluzioni fattive, di medio e lungo termine

PER INFO: adlcobas.rimini@gmail.com – 3499745299

 

condividi su: