#CantiereCasaDonGallo al via i lavori di ristrutturazione #RiconquistiamolaInsieme

condividi su:
logo cantiere casa gallo

Al via i lavori di ristrutturazione, tutti i 34 abitanti sono stati trasferiti in due soluzioni abitative (Casa Don Gallo
sud e Nord) più la base, il camper dei diritti, dove vivono due abitanti che si occupano delle aperture mattutine del Network Madiba. Due abitanti della casa ed ex occupanti del Villino Ricci, Silvia e Andrea, finalmente sono stati inseriti nel progetto Housing First del Comune di Rimini, in due appartamenti distinti e con progetti individualizzati.
Alla politica del prima gli italiani, rispondiamo con le pratiche mutualistiche e di solidarietà che mettono al centro le persone, gli interessi e la sicurezza sociale della città e di tutti i suoi e le sue abitanti, pratiche che finalmente vengono riconosciute da chi governa la città. Lottare è giusto!
UNA CASA PER TUTT*

da Altarimini

Comune di Rimini investe 140.000 euro in casa Don Gallo, per dare accoglienza ai senzatetto

I locali di De Warthema saranno ristrutturati e la gestione affidata tramite istruttoria

Sono 2.500 le famiglie in povertà nei 25 Comuni della provincia di Rimini, secondo i dati dell’ultimo Rapporto sulle Povertà della Caritas di Rimini. Per porre un tampone a questa emergenza, il Comune di Rimini realizzerà un centro a bassa soglia (modello di intervento sociale verso senzatetto, bisognosi, immigrati) nei locali dell’ex stamperia comunale di via De Warthema, dove gli attivisti di Casa Madiba hanno realizzato la casa di accoglienza “Casa Don Gallo”, stanziando per i lavori 140.000 euro. La gestione della nuova struttura sarà affidata tramite bando a organizzazioni del terzo settore operative sul territorio distrettuale. L’amministrazione comunale ricorda anche le esperienze dell’albergo sociale (44 famiglie dal 2012 ospitate, per un totale di 87 persone), altro luogo di accoglienza per persone bisognose di un alloggio; l’housing first, progetto che prevede l’inserimento abitativo di persone in difficoltà: attualmente dieci persone in cinque appartamenti, negli anni precedenti nove in sette appartamenti.

condividi su: