#NoTap. Una battaglia per la Democrazia e la Giustizia ambientale. Verso il G7Ambiente di Bologna

condividi su:
no tap bambini
Mercoledì 19 Aprile ore 18.30 all’interno della mostra I custodi del cibo – Mostra/Mercato dei produttori indipendenti che si svolge ogni Mercoledì a Casa Madiba Network
Assemblea Pubblica:
No Tap. Una battaglia per la Democrazia e la Giustizia ambientale. Verso il G7Ambiente di Bologna
in collegamento via Skype ne discutiamo con:
🌱 Agnese Cossa – ass. Rumori Sinistri
🌱 Gabriele de Giorgi – Giornalista LeccePrima/Salento Review ( http://bit.ly/2of4anT )
🌱 Gianluca Maggiore – Portavoce Comitato No TapL’iniziativa rientra come tappa di avvicinamento all’assemblea di Domenica 23 aprile G7M – Ambiente alla base, non al vertice in continuità con le mobilitazioni nel territorio per l’acqua pubblica, contro le trivellazioni, gli inceneritori, e la nocività nei luoghi di lavoro, per una mobilità sostenibile e accessibile a tutti/e.

🌻A proposito di G7 e ambiente 🌿
una serie di appuntamenti dei G7 si svolgerà nelle prossime settimane e mesi in Italia. Anche in Emilia Romagna, i cosiddetti “7 grandi” si riuniranno a Bologna. per tre giorni, dal 10 al 12 Giugno 2017 per parlare di ambiente.
Non ci sembra un Meeting arrivato per caso, mentre l’attacco all’ambiente si fa più’ forte che mai, con la Tap ( gasdotto che attraversando l’Adriatico, sbucherà in Puglia a San Foca, deturpando irreversibilmente una delle zone costiere più belle d’ Europa), con le trivellazioni che partiranno nell’hinterland forlivese.
Non uno dei Ministri dell’Ambiente che parteciperanno al vertice, riconosce in nessun modo i gravi cambiamenti climatici in atto, negando l’ evidenza dei fatti come lo scioglimento dei tre quarti dei ghiacciaia in Groenlandia,o la scomparsa di isole in pieno oceano Pacifico (arcipelago di Kiribati e parte delle isole Samoa), creando i primi veri profughi climatici. Ancor più spalleggiati dal servilismo di Trump per le lobby degli affari e dle petrolio, si preparano a sfruttare le risorse fossili con procedure estrattive, come l’ Air Scriming e il Water Scriming, ambedue fortemente sospettate di provocare terremoti ( Due anni prima del terremoto in Emilia, nel reggiano e nel parmense, furono effettuate trivellazioni con quelle tecniche, ed anche in Abruzzo ed alto Lazio, lo scorso anno ).
Pochi si arricchiranno, le solite multinazionali, nessun posto di lavoro sarà creato nei loro progetti.
Nessun calcio alla crisi, nessun miglioramento della qualità della vita o dell’ambiente, questi signori si riuniscono solo per i loro interessi e per rigonfiare le casseforti delle loro banche grondanti il sangue di migliaia di profughi messi in marcia, sia dalle guerre per il controllo del petrolio, che per i loro interessi militari dello scacchiere mediorientale ed Africano.
Non resteremo indifferenti, mentre strappate dalla terra gli alberi della Pace, non rimarremo in silenzio, mentre dai ” migliori ” salotti televisivi, illustrate la bontà delle vostre riforme ed opere ingegneristiche.
Una Estate di lotta si prepara per tutt*, articolata con varie scadenze in Italia con il G7 e in Europa con il G20 di Amburgo. Faremo la nostra parte fino in fondo, staremo con i contadini Pugliesi, a cui hanno espropriato terreni ed alberi, cosi come siamo stati con il popolo No Tav, o con le popolazioni in lotta contro trivelle, inceneritori e opere inutili e dannose.
Non vogliamo un gasdotto che attraversa mezzo mondo, ed attraccando in Puglia, risale fino al Lazio, logo g7dove sarà lavorato e proseguirà la sua corsa fino a Genova.
Il nostro Paese e tutti i territori sono attraversati da tantissimi conflitti ambientali, da persone che quotidianamente si mettono in gioco per difendere la terra, che lottano per il diritto alla salute, all’autodeterminazione, alla partecipazione, e rifiutano il ricatto tra lavoro e vita. Le lotte come quella contro il TAP o Standing Rock nei territori Sioux, sono – per queste ragioni – lotte per la democrazia e dignità, per rivendicare il diritto di partecipare al governo e alla vita dei propri territori.
Per questo Mercoledì 19 Aprile alle ore 18.30, promuoviamo una conferenza via skype con la nostra compagna Agnese Cossa da poco rientrata in Puglia, con il giornalista d’inchiesta Gabriele De Giorgi(LeccePrima/Salento Reviewe) che si è già occupato di xylella e disseccamento rapido dell’ulivo, della complessa vicenda dell’appalto Ss 275 Maglie Santa Maria di Leuca e natualmente del TAP e con Gianluca Maggiore, Portavoce del Comitato No Tap che in queste ultime settimane si e’ fortemente mobilitato contro lo sradicamento degli ulivi a Melendugno, costruendo un vero movimento di massa per la democrazia e la giustizia ambientale che ha visto coinvolte migliaia di persone da ogni parte del Salento.
Verso il 10/11/12 GIUGNO 2017 contro il G7 per l’ Ambiente che si terrà a Bologna, costruiamo percorsi di lotta e di alternativa. Difendiamo la vita, difendiamo la TERRA!
Altre fonti energetiche SONO POSSIBILI, il petrolio, i combustibili fossili UCCIDONO E DEVASTANO!
Casa Madiba Network

casamadiba.net
G7M – Ambiente alla base, non al vertice

condividi su: