Il Vescovo, Francesco Lambiasi, in visita al Network solidale di Casa Madiba #UnaCasaPerTutt*

condividi su:
1

In questa settimana di emergenza neve e gelo, tutto il Network solidale di Casa Madiba è stato operativo, per garantire tutti i servizi (docce, raccolta/distribuzione vestiario e generi di prima necessità)  del  Guardaroba Solidale Madiba  e le pratiche di mutualismo e accoglienza degna (Casa Don Gallo ha ospitato diversi homeless nello spazio diurno) che si sono generate in via Dario Campana. Lunedì pomeriggio nonostante il maltempo abbiamo ricevuto la visita del Vescovo, Francesco Lambiasi negli spazi del Guardaroba Solidale presso Casa Madiba e di Casa Don Gallo.

Di seguito il comunicato sulla visita del Vescovo delle Associazioni Rumori Sinistri e No Border.

L’importanza della visita del Vescovo al Network solidale di Via Dario Campana

Nel pomeriggio innevato di Lunedì 26 Febbraio a Casa Andrea Gallo per l’autonomia si è svolto un nuovo piacevole e costruttivo incontro scaturito da una nuova visita del Vescovo di Rimini, Francesco Lambiasi, Don Maurizio Vicario generale e Mario Galasso della Caritas di Rimini..

Il clima che ha avvolto la discussione è stato di reciproca curiosità e rispetto verso il lavoro svolto in questi lunghi mesi, fatti anche di trattative con l’amministrazione comunale che ha riconosciuto il servizio alla città svolto dalle due associazioni e dagli/dalle abitanti di Casa Gallo, progettualità che ha saputo andare oltre l’emergenzialità e si è strutturato come luogo di riscatto e non assistenziale in cui tutti gli abitanti si sono resi parte attiva del proprio progetto di vita.

Un primo momento si è svolto presso il “Guardaroba Solidale Madiba” (che nel 2017 ha incontrato più di cento persone) a Casa Madiba dove le attiviste hanno sottolineato l’intervento sociale che si sviluppa in tre aperture settimanali per la distribuzione degli indumenti, generi di prima necessità e per l’utilizzo delle docce.

Tanti i temi trattati e le progettualità presentate da parte degli abitanti all’interno della sala dello spazio diurno di Casa Gallo; dal nuovo percorso di approfondimento sul diritto all’abitare sviluppato nella Campagna “Una Casa per tutti che vede gli/le abitanti partecipare a dei momenti di formazione settimanale per poi promuovere un banchetto informativo tutti i Sabato mattina in via IV Novembre, al supporto nella gestione della raccolta e distribuzione dei prodotti alimentari rivolta agli/alle homeless della città e al concretizzarsi della sperimentazione dell’autogestione all’interno della casa grazie all’assemblea e al pranzo sociale settimanale, veri e propri spazi di relazione, di condivisione, di costruzione della progettualità comune.

E’ su alcune tematiche che si sofferma maggiormente l’animata discussione. L’importanza dell’autogestione che in questi mesi ha permesso di far prendere coscienza agli/alle abitanti della propria condizione ma anche valorizzando le qualità che possono essere messe a servizio della comunità e che stimolano gli/le abitanti a sentirsi parte di una grande famiglia, organizzando i turni delle pulizie, prendendosi cura dei rapporti interpersonali fra generi, generazioni e nazionalità diverse si da il vero senso del riscatto.

Suggerita dalle problematiche che i/le migranti, richiedenti asilo, rifugiati vivono nel rapporto con la città e con reali processi di inclusione sociale e grazie anche al contributo che gli insegnati di italiano della Scuola Popolare Madiba presenti all’incontro (Stefano, Davide, Carla), la discussione si è poi soffermata sull’importanza del dialogo con l’altro, il rispetto verso la dignità umana che oggi è pressoché assente nella nostra società, dove prevalgono sentimenti di odio, di rabbia, di rappresaglia verso i più ricattabili. Alcuni abitanti sono intervenuti affermando che “facciamo fatica ad imparare la lingua italiana perché l’unico momento in cui possiamo parlare ed interagire sono le lezioni a scuola ed il quotidiano nella Casa” fuori i rapporti sono sfuggenti e limitati.

Il significato profondo di accoglienza sta proprio nella costruzione del dialogo, nel riconoscimento dell’altro come persona e della povertà come prodotto di un sistema economico/finanziario e non una colpa personale. Restituire dignità alle persone con le quali interagiamo, attivarle nella rivendicazioni/conquiste di maggiori diritti, vale più di tanto cibo o vestiario regalato. La cultura della solidarietà per tutti e tutte va intrapresa già nelle scuole se vogliamo uscirne con comunità in divenire e non con l’individualismo razzista ed imperante che discrimina e crea muri e che sta prevalendo in questa fase.

E’ in tutto questo che sentiamo l’importanza della continuità del percorso di accoglienza degna di Casa Don Gallo a Rimini, il 30 Aprile è alle porte ed una soluzione ancora non si è trovata, il sentimento è quello di poter fare dei passi avanti considerando il diritto all’abitare e l’accoglienza non come problemi emergenziali ma effettivamente sperimentare un cambio di passo nelle politiche di gestione di questi temi. E noi l’abbiamo fatto.

Salutiamo il Vescovo con due bellissimi momenti, un regalo che Rosario, abitante di Casa Don Gallo, ha realizzato con le sue mani (un presepe fatto con la carta dei block-notes) e con il concerto di Sunday con la chitarra acustica regalata da alcuni vicini del quartiere INA CASA attraverso un’iniziativa solidale “Una chitarra per Sunday”.

Una comunità che ha scelto di mettersi in cammino per un mondo di diritti per tutti e tutte e per un cambiamento della società in cui viviamo non torna indietro, e le parole del Vescovo, Francesco Lambiasi, sono un invito a continuare in questo cammino esortandoci a continuare nel percorso di solidarietà e di riscatto che abbiamo intrapreso nel Network Solidale di via Dario Campana.

Ass. Rumori Sinistri – Ass. No Border

L’incontro con il vescovo a Casa Gallo nelle foto di Melissa Cecchini

condividi su: