Sui fascisti di Forza Nuova e per tutti quelli che li hanno banalizzati

condividi su:
hannover

Ben svegliata, «opinione pubblica democratica»! dopo i recenti fatti di cronaca, squadracce a L’espresso, a Como senza frontiere, i fatti di Forlì ecc ecc è tutto un parlare di antifascismo e fascismo. Scriviamo queste poche parole in solidarietà con chi ha subito queste azioni violente e minacciose, ma soprattutto le scriviamo perchè in questi anni, sono accaduti tantissimi episodi molto più gravi, tantissimi i crimini che il neofascismo ha compiuto in Italia negli ultimi anni, omicidi compresi, senza suscitare queste reazioni, taciuti da tutti, per non dire banalizzati. Non dobbiamo dimenticarlo! e non dobbiamo dimenticare che le politiche di austerity, di tagli al sociale, il lavoro povero, la mancanza di politiche abitative degne di questo nome, il Pacchetto Minniti, sono tutte norme che contribuiscono a questo stato di cose e quindi vi è una precisa responsabilità anche del Pd che di antifascismosarebeb meglio non parlasse. Servono nuove pratiche antifasciste, tanto nelle strade, quando nelle progettualità che devono generarsi per rispondere materialmente ai nuovi bisogni sociali nati dalla crisi: cibo, casa, vestiario, istruzione. Il lavoro da fare è tanto, organizziamoci!

“Attimi di paura in centro a Forlì ieri pomeriggio, la Polizia in assetto anti-sommossa piomba su piazzetta della Misura mentre si svolgeva un mercatino di Natale„ perchè aderenti di Forza Nuova sono spuntati correndo da via Mameli e, girato l’angolo, hanno brandito bastoni, picchiando il segretario Gianni Cotugno della Fiom-Cgil di Forlì e un poliziotto in servizio di ordine pubblico.“ ( http://bit.ly/2ya5VHH )
Le persone che hanno commesso queste violenze sono le stesse che lunedì pomeriggio si sono presentate nei pressi di Casa Andrea Gallo Rimini #perlautonomia e di alcuni insediamenti abitativi di persone senza casa nel Parco Marecchia.
Sono le stesse che il 26 marzo 2016 con la scusa di una pseudo raccolta solidale solo per gli italiani si sono presentate davanti alla Conad in via Dario Campana con le catene sotto i giubbotti. Sono le stesse che da diversi anni agiscono indisturbate nelle strade e nelle piazze delle città romagnole con il beneplacito delle questure e dei questori ma anche degli amministratori locali del Pd ìn odor di legalitarismo antipoveri e dei giornalisti che in Romagna ma soprattutto a Rimini hanno orientato più le loro accuse e i loro editoriali invocanti le forche e punizioni esemplari, non contro Forza Nuova, ma contro gli antifascisti e le antifasciste che in forme varie e autorganizzate hanno tenuto sempre alta e vigile l’attenzione su questi gruppi e sono state l’unico argine sociale alle violenze fasciste.
Quelli che, come direbbe Wu Ming#laparolaconlaF non l’hanno mai usata (http://bit.ly/2BPVoE7).
Con lo stesso fare minaccioso e impunito, con cani sciolti e le medesime aste di ferro della bandiere brandite a Forlì, queste persone lunedì scorso hanno vomitato le loro bugie e la loro disumanità contro le persone più vulnerabili e invisibili della nostra città, veri e propri prodotti di scarto delle politiche neoliberiste.
Chi crede a questi buffoni alla corte del potere, utili idioti del sistema come da sempre sono stati i fascisti, non merita alcun rispetto e manifesta la propria totale ignoranza e disumanità.
Il tenore dei commenti sotto il video che abbiamo postato lunedì ( http://bit.ly/2BRspQ9 ) ne è un chiaro esempio e sono uno stimolo sempre più forte per chi come noi continua a costruire un mondo diverso, nel rispetto della vita e della dignità umana, per il diritto alla libertà e al benessere per tutti e tutte.
Su questi post così come sui video e le note stampa diffuse dall’organizzazione neofascista lunedì scorso abbiamo dato mandato ai nostri legali di valutare possibili querele.
Che in tutta Europa ed anche nel nostro territorio si sviluppino nuove pratiche antifasciste, come accaduto ad Hannover il 2 dicembre scorso, dove migliaia di persone hanno bloccato l’accesso al congresso federale del partito neonazista e razzista AFD.
Nelle strade e ovunque sarà necessario noi ci saremo sempre.
Perché il fascismo è un crimine e come tale va combattuto ad ogni livello senza se e senza ma.

Casa Madiba Network – Casa Andrea Gallo Rimini #perlautonomia

condividi su: